SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Pagina 4 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da Cantastorie il Mer 19 Mag 2010, 22:15

il dialogo su abbigliamento femminil anarchico e' stato spostato in Cazzeggio.
avatar
Cantastorie
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 16424
Data d'iscrizione : 30.09.09
Località : Catania

http://tuttiallopera.altervista.org/

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da Gaufre il Gio 20 Mag 2010, 00:11

da Il Fatto quotidiano di oggi, 20 maggio

Annozero,
ultimo fotogramma
di Marco Travaglio
Sarà perché Santoro è un malato di cinema, ma il
suo destino è che di lui si prenda sempre l’ultimo
fotogramma, dimenticando il resto del film. Tutti
ricordano che nel ’96 passò a Mediaset e nessuno
ricorda che la Rai dell’Ulivo l’aveva messo alla porta e in
Italia un giornalista televisivo o lavora alla Rai, o lavora a
Mediaset, o non lavora. Tutti ricordano che nel 2005 si
candidò in Europa e nessuno ricorda che da tre anni,
dall’editto bulgaro, non lavorava, anzi peggio: era
pagato per non lavorare. Ora tutti si concentrano
sull’accordo per uscire dalla Rai e nessuno ricorda le
quattro stagioni di A n n o ze ro : non tanto gli attacchi
politici da destra, centro e sinistra (sono medaglie),
quanto la guerriglia quotidiana ben oltre i limiti del
mobbing che l’azienda ha mosso contro il programma
giornalistico più visto, meno costoso e più redditizio
dell’intera televisione italiana. Io non so, nel dettaglio,
cosa preveda l’accordo, se non che Michele,
pensionando nel 2016, sarà liquidato con tre annualità
del suo stipendio di direttore (un terzo di quello di
Vespa) e non avrà vincoli di esclusiva. Né so che altro
intenda fare in futuro, oltre alle docufiction. Non
conosco, insomma, l’ultimo fotogramma. Ma conosco
fin troppo bene quelli precedenti. So che in autunno la
Rai, ligia agli ordini superiori, cercava pretesti per non
far partire A n n o ze ro . So che, presentando A n n o ze ro in
conferenza stampa, il direttore di RaiDue disse che,
fosse dipeso da lui, Santoro non sarebbe mai andato in
onda (così gli ascolti della sua rete sarebbero scesi
sottozero). So che per tutto l’anno, vedi intercettazioni
di Trani, Berlusconi e i suoi manutengoli in Rai, Agcom,
Vigilanza e persino Csm han trafficato per chiudere
A n n o ze ro . So che ad aprile la Rai ha fatto ricorso in
Cassazione contro la sentenza che impone la messa in
onda di A n n o ze ro , costringendo Santoro ad altri tre anni
(in aggiunta ai sette passati) di battaglia legale contro
l’azienda per cui lavora. So che la famosa opposizione
se n’è beatamente infischiata. Anzi ha subito votato con
la maggioranza a favore dell’uscita di Santoro, salvo poi
polemizzare perché – horribile dictu – se ne andrà con la
liquidazione anziché regalarla alla Rai che l’ha trattato
così bene. So che nessuno può lavorare per un’azienda
che non lo vuole. E non solo non gli dice mai grazie, ma
lo prende pure a calci in culo. Santoro l’ha fatto per
quattro anni, più per tigna politica che per motivi
professionali, consumandosi una bella fetta di fegato e
di sistema nervoso, mobbizzato ogni giorno a colpi di
telefonate, minacce, proiettili, pressioni, avvertimenti,
multe, ammonimenti, sabotaggi, bastoni fra le ruote,
fango a mezzo stampa e tv (persino su RaiDue). E la par
condicio e il contraddittorio e il giustizialismo e
l’equilibrio e il contratto di Travaglio e le vignette di
Vauro e i baffi di Ruotolo. Un trattamento che non
auguro al mio peggior nemico, figurarsi a uno dei miei
migliori amici. A un certo punto, la pentola a pressione
doveva esplodere, l’animale in gabbia doveva uscire
dalla gabbia. Certo, è una sconfitta per la Televisione,
per la Rai e per la politica retrostante, anche se gli
sconfitti sono ben felici di esserlo. È bene ricordare,
riavvolgendo a ritroso tutto il film di A n n o ze ro ,
fotogramma per fotogramma, che non si sarebbe mai
giunti a questo epilogo se i partiti e le tv al seguito
rispettassero la libertà d’informazione, cioè la
Costituzione. Ma una sera di marzo, al Paladozza di
Bologna, abbiamo scoperto che c’è vita oltre la Rai. C’è
vita oltre la Televisione. C’è vita oltre i partiti. Oggi il
popolo del Paladozza si sente smarrito, forse addirittura
tradito, a causa di un difetto di comunicazione (Santoro
deve tacere fino alla firma) e della disinformatija di
regime che, come già con Biagi, lo presenta come un
uomo avido che insegue il denaro (ignorando che in
Italia, leccando e strisciando, si guadagna molto
meglio). Ma Michele pensionato sulla panchina dei
giardinetti non ce lo vedo proprio. Il popolo del
Paladozza quello no, non può uscire sconfitto.
avatar
Gaufre
Forum Expatriée
Forum Expatriée

Messaggi : 9992
Data d'iscrizione : 22.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da Bess il Gio 20 Mag 2010, 00:18

Grazie Gaufre, ho trovato un pò di risposte che cercavo
avatar
Bess
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 1672
Data d'iscrizione : 08.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da fear-of-the-dark il Gio 20 Mag 2010, 01:23

Io sono d'accordo con travaglio....per quanto tempo uno può sopportare di lavorare con il datore di lavoro sempre contro?
Può scegliere diversamente...lo ha fatto,come avrebbe fatto chiunque. Fossi in lui farei cacciare alla rai quanti più soldi possibile....per non fare la fine del "cornuto e mazziato"...
edit: aggiungo che avere una liquidazione è una cosa normale per chi lavora....e pretenderne una adeguata al proprio lavoro-contratto è una cosa sacrosanta.
avatar
fear-of-the-dark
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 12575
Data d'iscrizione : 30.09.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da nonhol'età il Gio 20 Mag 2010, 07:32

nonhol'età ha scritto:Guarda Lepidezza, io trovo molto ma molto più grave che Minzolini arbitrariamnete abbia tolto la conduzione del Tg ai giornalisti che si erano rifutati di firmare una lettera in suo sostegno e che questi abbiano dovuto subire in silenzio.
Un giornalista noto come Santoro ha avuto, ha, avrebbe in futuro tutto il sostegno per proseguire nel suo lavoro perchè tutti lo individuano come una bandiera di libertà, solamente che stare sempre sulle barricate è una cosa molto difficile.
Io penso che non avrebbe dovuto dire che lo fa per il pubblico, ma per sentirsi più libero professionalmente, nel scegliersi i collaboratori e i modi per lavorare, cosa del tutto legittima per un professionista. Quello che mi disturba è lo spreco di denaro pubblico, perchè le stesse cose doveva poterle fare da salariato rai.

Mi quoto per ribadire il concetto che sicuramente lui aveva i suoi ottimi motivi per fare questa scelta ma dire che l'ha fatta per il pubblico mi sembra veramente eccessivo. Che stesse sulle scatole anche alla sinistra è un dato di fatto, infatti a lui molto spesso è stata imputata la perdita delle elezioni politiche evitando di guardare invece alla grave mancanza di un progetto politico da parte della sinistra.
Penso anche però ai tanti giornalisti rai che devono subire in silenzio il quotidiano mobbing perchè hanno avuto il coraggio di opporsi a determinate scelte editoriali e non hanno nessuno che prende le loro difese. E' sacrosanto che lui abbia tutte le sue spettanze, quello che contesto è che la rai paghi una penale per sciogliere il contratto per poi fargliene uno nuovo che prevede le stesse cose di quello precedente, solo che le fa da collaboratore esterno. A me sembra spreco di danaro pubblico. Io spero veramente che lui chiarisca al più presto tutti i dubbi della gente che fino adesso l'ha seguito con dedizione e sostenuto nelle sue battaglie, glielo deve-
avatar
nonhol'età
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5120
Data d'iscrizione : 14.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da Gaufre il Gio 20 Mag 2010, 07:46

Ad Annozero la verità di Santoro
"Stanco
di restare sempre in trincea"





Il conduttore spiegherà la sua
scelta durante la trasmissione. "L'ultima volta che ci siamo divertiti è
stato con 'Rai per una notte'"


di CURZIO MALTESE

IL FEDERALISMO non si farà mai,
le riforme neppure, il calo delle
tasse è un sogno, ma almeno un obiettivo programmatico il governo
Berlusconi l'ha centrato in pieno: la chiusura di Annozero. In
fondo a una guerra cominciata nel 2002, con l'editto bulgaro,
Silvio Berlusconi ha ottenuto la resa di Michele Santoro.

A parte cinque o sei milioni di spettatori, che però non contano
nulla, sembrano tutti contenti. È felice il premier, per il quale
Annozero era ormai diventata un'ossessione personale, come si
evince dalle intercettazioni, anche quelle destinate a sparire nel
nuovo giro di vite. È entusiasta il direttore generale Rai, Mauro
Masi, detto "Zimbabwe", d'aver finalmente portato a termine la
missione voluta dal presidente del consiglio. Pur se si tratta di
chiudere la più redditizia trasmissione dell'intera azienda, alla
fine di un anno record, con una media di oltre il 20 per cento di
share su una rete, Raidue, ormai crollata al 9 per cento. Sono
soddisfatti i consiglieri dell'opposizione, che appena possono
votare con la maggioranza lo fanno sempre volentieri. Alla fine, se
non contento, è sereno anche Michele Santoro, stanco di guerre
legali. Soltanto un po' preoccupato che la "fabbrica della
diffamazione" possa far passare la versione losca della vicenda,
"quella da gossip, il comunista Santoro che vende i suoi ideali in
cambio di una liquidazione milionaria". Peraltro già usata
all'epoca contro Enzo Biagi.

Nel caso Santoro c'è un aspetto personale e uno politico. Il primo
non è del tutto chiaro, forse nemmeno a Santoro stesso, che
continua a cambiare idea. Ieri, alla vigilia della puntata, ha
radunato la redazione e spiegato le sue ragioni. "Non è vero quello
che leggete sui giornali, non ho firmato nessun accordo" è stato
l'esordio. Ha chiesto a Masi una settimana per riflettere, per
guardarsi intorno, anche per capire "se qualcuno ancora mi vuole in
Rai". Ieri pomeriggio ha scritto una lettera aperta al segretario
del Pd, Bersani, per chiedere la ragione dell'apparente assenso dei
consiglieri di opposizione alla strategia di Masi. Ma poi l'ha
cestinata, per decidere di "dire qualcosa stasera, in
trasmissione". Della trattativa per uscire dalla Rai, chiudendo
Annozero, non aveva parlato con nessuno, neppure con Marco
Travaglio. Ma da mesi Santoro va dicendo d'essere stufo della
battaglia legale con l'azienda che si trascina dal 2002 e rischia
di durare ancora a lungo. Contro le promesse fatte a Santoro, dopo
il successo di Annozero 2010, la Rai ha infatti deciso di ricorrere
in Cassazione contro la sentenza che permette alla trasmissione di
andare in onda. Senza peraltro, anche qui, alcuna opposizione dei
consiglieri di minoranza. "Questo significa altri tre anni almeno
di trincea con gli avvocati - ha spiegato Santoro ai suoi -
Significa anche non poter cambiare d'una virgola il programma, non
poter dare un'intervista perché ogni volta rischio il
licenziamento. Significa doversi ripetere all'infinito in questa
specie di soap dal titolo: ce la faranno i nostri di Annozero a
durare fino alla prossima puntata? Basta". Per essere sinceri,
significa anche non poter mai chiedere un adeguamento del
contratto.




Santoro guadagna 500 mila euro netti all'anno, che in tempi di
crisi possono indurre ad amare riflessioni, ma dal suo punto
invidiabile di vista costituiscono un compenso fuori dal mercato
televisivo. Dove, per fare un esempio a caso, uno come Bruno Vespa,
con un programma certo assai meno remunerativo per l'azienda Rai,
guadagna tre volte di più. A parte i milioni, c'è il divertimento.
"L'ultima volta che ci siamo davvero divertiti è stato con 'Rai per
una notte'. Ma se io cambio la formula di Annozero, non ho più lo
scudo del magistrato e non posso andare in onda". Così, sulla scia
dell'incredibile successo della manifestazione di Bologna, Santoro
avrebbe deciso di andare al gran finale. O la Rai chiude la guerra
e decide di trattare la squadra di Santoro per quello che è, una
delle poche vere risorse strategiche del catafalco di viale
Mazzini; oppure lui prende la baracca e la porta altrove, su
Internet, sulle reti locali, sul modello di "Rai per una notte".
"Il mio mestiere è fare il giornalista, non l'opposizione a
Berlusconi".

Questa è la posizione personale di Santoro, che accetterebbe in
cambio della resa di Annozero, uno "scivolo" di tre anni, circa due
milioni, e la possibilità di fare cinque docufiction all'anno. C'è
poi la vicenda politica, e qui il buio è totale. L'unica posizione
comprensibile è quella del direttore generale Masi, che obbedisce
agli ordini di Berlusconi. Meno chiaro è perché gli altri vertici
aziendali siano così soddisfatti della chiusura dell'unico
programma di punta della disastrata Raidue, il migliore di tutto il
palinsesto per il rapporto fra costi e ricavi. Ancora meno chiara è
la ragione della mancata opposizione dei consiglieri di minoranza,
a meno di non dar retta alla sindrome di accerchiamento dello
stesso Santoro. "Alla destra diamo fastidio, alla sinistra non
facciamo favori, quindi l'intesa è bipartisan". L'ultimo dettaglio,
in ordine d'importanza politica, è la possibile reazione dei
milioni di spettatori di Annozero, che non pagano il canone
soltanto per il Grande Fratello e per gli editoriali di Minzolini.
Ma purtroppo gli spettatori non contano nulla nei giochi di potere
della Rai e forse neppure abbastanza per un Michele Santoro stanco
di fare il paladino.










(20 maggio 2010)
http://www.repubblica.it/politica/2010/05/20/news/operazione_annozero-4200798/?ref=HREC1-1
avatar
Gaufre
Forum Expatriée
Forum Expatriée

Messaggi : 9992
Data d'iscrizione : 22.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da lepidezza il Gio 20 Mag 2010, 08:10

Ieri, alla vigilia della puntata, ha radunato la redazione e spiegato
le sue ragioni. "Non è vero quello che leggete sui giornali, non ho
firmato nessun accordo" è stato l'esordio. Ha chiesto a Masi una
settimana per riflettere, per guardarsi intorno, anche per capire "se
qualcuno ancora mi vuole in Rai".
Contro le promesse fatte a Santoro, dopo il successo di Annozero
2010, la Rai ha infatti deciso di ricorrere in Cassazione contro la
sentenza che permette alla trasmissione di andare in onda. Senza
peraltro, anche qui, alcuna opposizione dei consiglieri di minoranza.
"Questo significa altri tre anni almeno di trincea con gli avvocati -
ha spiegato Santoro ai suoi -Significa anche non poter cambiare
d'una virgola il programma, non poter dare un'intervista perché ogni
volta rischio il licenziamento.


Così, sulla scia dell'incredibile successo della manifestazione di
Bologna, Santoro avrebbe deciso di andare al gran finale. O la Rai
chiude la guerra e decide di trattare la squadra di Santoro per
quello che è, una delle poche vere risorse strategiche del catafalco
di viale Mazzini; oppure lui prende la baracca e la porta altrove, su Internet,
sulle reti locali, sul modello di "Rai per una notte".

Alla destra diamo fastidio, alla sinistra non facciamo favori, quindi
l'intesa è bipartisan".

quindi come sospettava Bess,si trattava di TFR( liquidazione,qualora avesse firmato)ma c'è da domandarsi il ricorso in cassazione contro di lui da parte della Rai che con Annozero arriva al 20% di share più sponssor(N.B)per una rete che è al 9% di media con la senette, l'isola e tanta bella muffa da biscione.
E c'è da domandarsi quindi non perchè Masi( che Berlusconi scarica nella denuncia dei redditi come domestico)lo ostacoli, ma perchè in commissione anche "l'opposizione"abbia approvato.

Se fosse realmente un programma fazioso( inteso pro opposizione e contro governo)ci sarebbe stata l'alzata di scudi.No?
l
a visione della rai in Clan di destra e di sinistra è più che mai evidente.
quindi chi lavora senza problemi e senza la trincea di santoro e soci deve qualcosa a uno dei due.
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da lepidezza il Gio 20 Mag 2010, 08:55

Santoro. Ci sono quelli che Annozero e quelli che Annomoltizeri. (lucadassi)

( la prospettiva di DL è legata alle indiscrezioni.)
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da lepidezza il Gio 20 Mag 2010, 09:00

o si riferisce ai venduti alla Masi?
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da lepidezza il Gio 20 Mag 2010, 13:02

comunque stasera il segreto di fatima verrà rivelato.
prima della rosa dei giudici di xfactor..
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da fear-of-the-dark il Gio 20 Mag 2010, 13:04

lepidezza ha scritto:comunque stasera il segreto di fatima verrà rivelato.
prima della rosa dei giudici di xfactor..
già già....io comunque non ce lo vedo l'opportunismo....
avatar
fear-of-the-dark
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 12575
Data d'iscrizione : 30.09.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da lepidezza il Gio 20 Mag 2010, 13:07

no non mi riferivo a questo..
mi riferivo proprio al suo contrario..
se lo sveli subito le altre puntate sino a giugno chi te le vede?
magnolia fa così per tenere alto l'interesse..fino alla fine..
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da nonhol'età il Gio 20 Mag 2010, 13:36

Per me lo 'scivolo' come scritto nell'articolo non è il TFR che gli spetta di diritto come lavoratore dipendente, ma una buona uscita a parte per stimolare l'abbandono della rai.
Come detto in altri thread, rai 2 era l'unica che disturbava Mediaset perchè spesso negli anni passati ha portato via spettatori anche all'ammiraglia canale 5. Comunque nessuno mi toglie dalla testa che è tutto lavoro di Lucio Presta che sta giocando a scacchi coi palinsesti rai, vedi tutti i suoi artisti piazzati. Eolo a parte naturalmente
avatar
nonhol'età
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post
Utente Fattiscente: 5001-9999 Post

Messaggi : 5120
Data d'iscrizione : 14.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da lepidezza il Gio 20 Mag 2010, 13:47

li ha tutti in rai.. a parte perego e bonolis e garofalo.
la rodriguez ovunque e moccia idem..
stasera sentiamo.
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da Giulietta il Gio 20 Mag 2010, 14:08

....con tutti gli articoli che ho letto al riguardo ho le idee confuse.....il fatto che in realtà non abbia firmato ancora, ribalta la cosa...boh...vediamo che dice questa sera....
avatar
Giulietta
Utente Novizio: 16-149 post
Utente Novizio: 16-149 post

Messaggi : 47
Data d'iscrizione : 21.04.10
Località : Pescara

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da lepidezza il Gio 20 Mag 2010, 14:21

e se fa come Napolitano,rimangono iacona e gabanelli ,giulietta.
(campione del mondo gioco di pollianna)
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da Gaufre il Gio 20 Mag 2010, 14:25

lepidezza ha scritto:e se fa come Napolitano,rimangono iacona e gabanelli ,giulietta.
(campione del mondo gioco di pollianna)
avatar
Gaufre
Forum Expatriée
Forum Expatriée

Messaggi : 9992
Data d'iscrizione : 22.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da lepidezza il Gio 20 Mag 2010, 14:32

la rai sembrerà sempre più LOST..
the others e i guardiani.
se ne vogliono andare tutti da quell'isola poi però non ce la fanno.. e convivono..si alleano e si fanno la guerra..
solo che dura da più di 6 anni sta roba..
ci sono in entrambi casi i polli che seguono però..
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da pannasmontata il Gio 20 Mag 2010, 21:28

Mi sono persa l'anteprima di annozero!
Santoro stava spiegando il perchè lascia la rai....
buon proseguimento
avatar
pannasmontata
Utente Residente: 150-500 Post
Utente Residente: 150-500 Post

Messaggi : 452
Data d'iscrizione : 31.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da Mede@ il Gio 20 Mag 2010, 21:45

ANNOZERO, PARLA SANTORO:
"I PARTITI NON MI VOLEVANO"



"Gli unici che possono parlare sono gli spettatori. Un programma come il nostro non crea un moviimento o un partito politico, ma una comunità in cui si innescano dialoghi. La televisione non è un frigo, ma qualcosa che ci serve per interpretare la realtà. Per questo, se un programma ci viene portato via, lo spettatore si incazza". Con queste parole Michele Santoro ha introdotto la puntata di questa sera di Annozero, dopo il divorzio annunciato ieri. "Possiamo sopportare tutto, ma non di essere criticati da Vespa su questioni di contratti. L'editto bulgaro non è stato mai rimosso, noi tutti siamo rimasti congelati per tanto tempo e siamo tornati in onda solo per una sentenza della magistratura, e poi una sentenza di appello che ha confermato la prima. Nonostante ciò i partiti di destra e di sinistra non hanno mai voluto prendere atto di questa sentenza, e quindi hanno fatto sempre ricorso. Nel frattempo noi siamo andati sempre in onda, e per quattro stagioni, e la Rai ha realizzato grandi profitti che l'azienda ha incassato. Mentre la Rai incassava, cosa succedeva? Contratti bloccati, punizioni, minaccia di punizioni, condizionamenti. Quale giornalista avrebbe messo in onda Patrizia D'Addario con sul tavolo una diffida dell'ufficio legale della Rai che dava la colpa a me per qualsiasi cosa sarebbe successa? Quando Curzio Maltese dice che mi sono arreso a Berlusconi, io trasecolo. Dov'era Repubblica quando venivamo sanzionati dall'Authority, o quando ci sono stati vietati i docudrama? Cari direttori, rispondete a questa domanda: se non fossero uscite le intercettazioni dell'inchiesta di Trani, cosa avreste scritto davanti alla sanzione da 90 milioni di euro su Annozero? Avreste scritto che è meglio che Annozero non andasse più in onda, perché non è degno di un paese civile. Presidente Zavoli, lei non dovrebbe usare la parola 'morale' con me, specialmente dopo quella decisione della Commissione di Vigilanza Rai che ha chiuso Annozero per un mese. Prima di parlare della mia liquidazione, sarebbe giusto che voi vi pronunciaste su questa domanda: Annozero è una trasmissione scomoda o è una risorsa per la Rai?". "Sul fatto che la sentenza debba essere applicata, un consigliere del Pd ha detto: 'Sarebbe meglio fare una transazione, perché la sentenza è abnorme perché limitativa della libertà dell'editore'. Quindi secondo questi consiglieri del Pd noi non dovremmo andare in onda. Ma c'è bisogno di un giudice per far andare in onda un programma che fa il 20% di share? Se poi invece, è meglio fare una transazione, lasciate che sia io a decidere quale sia la transazione migliore per me". "Io sono tornato in Rai perché abbiamo fatto una battaglia insieme e perché i giudici ci hanno dato ragione. Mi aspettavo, quattro stagioni fa, che tornassero tutti, Luttazzi, la Guzzanti. E invece non è tornato nessuno, anzi, viene tolto il diritto ad esprimersi anche altri, come Busi e Morgan. Facendo Raiperunanotte mi sono sentito libero, perché rappresentava la Rai che vorrei io, una Rai libera nel quale i partiti non contano un cavolo. Allora volete che io rimanga? Chiedetemelo, anziché dire che dovete arrivare a questo accordo per fare contento me. Ma se volete che rimanga, per voi Annozero deve essere una perla per questo servizio pubblico. Se parlate bene di Annozero, io resto qua senza problemi. Ma se voi pensate nel vostro animo che questo prodotto non sia un'espressione tipica del servizio pubblico perché ciò che avete in mente voi non prevede questo grado di libertà, fatemi andare via, perché così da fuori forse posso fare qualcosa in più come ho fatto con Raiperunanotte. Decidete quello che volete fare, fatelo, ma se mi considerate un estraneo, arrivederci e grazie. 30 anni di battaglie non possono essere cancellate da un contratto".

SANTORO LASCIA Una media del 20,34% di share, 5.023.896 di telespettatori: sono le cifre in termini di ascolti di Annozero (Raidue), a quattro puntate dalla fine - non del ciclo che si conclude regolarmente il 10 giugno - ma in assoluto. Ieri, infatti, la Rai ha ufficializzato il 'divorziò da Michele Santoro che resterà in qualità di consulente per altri due anni. Stasera nuova puntata dedicata al tema delicato dello scandalo pedofilia nella Chiesa. Fino a questo momento la stagione è stata brillante dal punto di vista dell'Auditel ma per Santoro non è stata una 'passeggiata di salutè. Già in avvio, gli auspici non erano dei migliori: la puntata (la seconda dell'edizione 2009-2010) che ha ospitato Patrizia D'Addario è rimasta in bilico fino all'ultimo minuto. No Giampi no party, questo il titolo, trasmessa il primo ottobre, ha segnato il record stagionale raggiungendo lo share del 28,92% (7.338.021). Ricatti - sul caso Marrazzo (29 ottobre) - ha fatto segnare il 24.53%, superando i sei milioni di telespettatori, seguita da Mandanti, subito dopo l'aggressione a Silvio Berlusconi a Milano, in onda il 17 dicembre. La stagione è trascorsa tra polemiche, lettere di avvocati (nel caso della partecipazione della D'Addario), ripetuti attacchi da parte di Silvio Berlusconi. E con L'Autorità garante delle Comunicazione che si è fatta sentire in più occasioni. Bloccate e poi 'riabilitatè le docu-fiction che ricostruiscono fatti veri con l'ausilio di un gruppo di attori. Più di una volta Santoro - nell'anteprima di Annozero - ha ribadito la propria insofferenza verso lo strapotere dei partiti in Rai e l'Agcom (Autorità Garante delle Comunicazioni). Organismo - secondo Santoro - 'lottizzatò e dunque privo della necessaria terzietà al quale ha dedicato più di un Vaf (Valutazioni a freddo pubblicate sul sito). Ma più di ogni altra cosa, a Santoro è pesato l'atteggiamento 'ostilè del suo editore che - ancora prima che la nuova edizione iniziasse - ha bloccato il contratto di Marco Travaglio, quello dei collaboratori di redazione e stoppato persino la sua squadra dei suoi cineoperatori storici. Una serie di ostacoli che, via via, hanno spinto - evidentemente - Santoro a maturare la propria decisione. In questo percorso due episodi sono da ritenersi fondamentali: la cancellazione dei talk in virtù della par condicio e quindi l'organizzazione al Paladozza di Bologna di Raiperunanotte con il conseguente lancio di una nuova piattaforma multimediale. E - altro evento di profondo rilievo - le intercettazioni della Procura di Trani dei colloqui telefonici del direttore generale della Rai Mauro Masi e del premier Berlusconi nei quali si invocava la cacciata di Santoro. Santoro - in risposta alle critiche - ha sempre sottolineato come il suo programma sia costantemente in attivo, facendo addirittura guadagnare alla azienda ma questo - lamentava - sembrava essere un dettaglio insignificante.

PUNTATA SULLO SCANDALO PEDOFILIA Lo scandalo pedofilia che ha coinvolto la Chiesa cattolica, è al centro della puntata di Annozero, dal titolo «Peccati e Reati» in onda su Raidue stasera alle 21,00. Il programma - si legge nella nota che presenta la puntata - andrà regolarmente in onda, come previsto, fino al 10 giugno prossimo. Papa Benedetto XVI domenica scorsa, di fronte alle duecentomila persone accorse in Piazza San Pietro per sostenerlo ha detto: «Il peccato nella chiesa è il vero nemico da combattere». Pochi giorni prima a Fatima aveva spiegato «il perdono non sostituisce la giustizia. Le sofferenze della chiesa fanno parte di quelle annunciate nel terzo segreto di Fatima». Il Pontefice ha fatto abbastanza per accertare la verità e punire i responsabili dei casi di pedofilia dentro la chiesa? Ne discutono in studio il Vescovo di Palestrina Domenico Sigalini, il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e il giornalista Antonio Socci. Nel reportage di Corrado Formigli, Andrea Casadio e Luca Rosini, la vicenda «americana», ovvero la battaglia legale intrapresa dagli Stati Uniti contro la gerarchia vaticana.



http://www.leggo.it/articolo.php?id=62598

_________________________________
***Metamorgan***
***QQMI***
***MARCOSANTORO***
avatar
Mede@
Admin Medea
Admin Medea

Messaggi : 26469
Data d'iscrizione : 22.09.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da lepidezza il Gio 20 Mag 2010, 22:50

sintetizzo:
non ho ancora firmato
qui nè pd nè pdl fanno a gara per trattenermi..
anzi sposano il ricorso in cassazione contro Santoro e la sentenza del giudice affinchè non venga reintegrato perchè?
perchè fa il 20% di share e fa guadagnare l'azienda.
il clan di destra e sinistra non ci guadagnano perchè non fa favori a nessuno dei due quindi fanno in modo di accompagnarlo alla porta e dargli le colpe di andarsene..
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da lepidezza il Gio 20 Mag 2010, 22:57


la puntata poi affronta la politica del vaticano nel coprire la pedofilia negli anni.
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da Bess il Gio 20 Mag 2010, 22:58

ora la palla è nella metà campo Rai, se non ho capito male
avatar
Bess
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 1672
Data d'iscrizione : 08.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da lepidezza il Gio 20 Mag 2010, 23:03

si Bess ora la prossima mossa tocca a loro..
sopratutto il PD..in Rai..
avatar
lepidezza
Utente... preoccupante >10.000 Post
Utente... preoccupante >10.000 Post

Messaggi : 15123
Data d'iscrizione : 30.09.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da Bess il Gio 20 Mag 2010, 23:06

lepidezza ha scritto:si Bess ora la prossima mossa tocca a loro..
sopratutto il PD..in Rai..
sì, il messaggio è stato chiarissimo, con nomi e cognomi... vedremo
avatar
Bess
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 1672
Data d'iscrizione : 08.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: SANTORO LASCIA LA RAI ACCORDO CON L'AZIENDA

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 4 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum