RE MATTO TOUR - OSIMO [RESOCONTI]

Pagina 16 di 16 Precedente  1 ... 9 ... 14, 15, 16

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: RE MATTO TOUR - OSIMO [RESOCONTI]

Messaggio Da lily09 il Lun 03 Mag 2010, 19:27

Grazie scintilla e Matilda
Grazie mille per aver condiviso con noi le vostre emozioni
avatar
lily09
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 1382
Data d'iscrizione : 05.12.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: RE MATTO TOUR - OSIMO [RESOCONTI]

Messaggio Da noccio il Lun 03 Mag 2010, 19:35

ragazze siete veramente delle mengonelle con i controfiocchi...grazie a Valentina, Tiki, Scintilla e Matilda per i resoconti (EffeCi mi pare di averla già ringraziata!) !
avatar
noccio
Utente Novizio: 16-149 post
Utente Novizio: 16-149 post

Messaggi : 130
Data d'iscrizione : 08.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: RE MATTO TOUR - OSIMO [RESOCONTI]

Messaggio Da riala il Lun 03 Mag 2010, 20:31

Ho finito ora di leggere anche gli ultimi due resoconti... come spesso accade quando vi leggo, mi è parso d'essere lì.
Un a Scintilla e a Matilde. Grazie.
avatar
riala
Utente Residente: 150-500 Post
Utente Residente: 150-500 Post

Messaggi : 410
Data d'iscrizione : 30.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: RE MATTO TOUR - OSIMO [RESOCONTI]

Messaggio Da Gredm il Lun 03 Mag 2010, 20:50

Wow, grazie a tutti....pazzesco.

Quello che ha scritto Scintilla è esattamente quello che provo io ascoltando solo una sua canzone...aiuto...
avatar
Gredm
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 788
Data d'iscrizione : 30.01.10
Località : Pordenone

Tornare in alto Andare in basso

Re: RE MATTO TOUR - OSIMO [RESOCONTI]

Messaggio Da EffeCi il Mar 04 Mag 2010, 01:26

Arrivo in ritardissimo, che già ci sono i resoconti di Milano.
Ma volevo anch'io manifestare a Scintilla e a Matilda la mia gioia per quanto abbiamo condiviso sabato, anche se purtroppo con Matilda non ci siamo incontrate. E' stata comunque una condivisione ed è stato il primo concerto di Marco. Il più strano, perché nessuno sapeva ancora cosa sarebbe sbucato da dietro quella tenda. Abbiamo avuto l'anteprima, per quanto ancora ci sia da migliorare e da aggiustare e per quante cose potrà variare o aggiungere in seguito. Noi eravamo nell'isolato palazzetto dello sport che ha ospitato l'emozionato debutto di Marco. Non ce lo dimenticheremo questo giorno.
avatar
EffeCi
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 1350
Data d'iscrizione : 29.12.09
Località : Bologna

http://effeciblog.splinder.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: RE MATTO TOUR - OSIMO [RESOCONTI]

Messaggio Da Glass il Gio 06 Mag 2010, 11:45

Buongiorno a tutti.

Se avete la paziena di leggermi, vorrei condividere con voi alcune riflessioni.
Quando sono entrata per la prima volta nel forum ero di ritorno da una esperienza estenuante. Osimo e dintorni. La notte non avevo dormito per l'adrenalina che avevo in coirpo e mi mancava la lucidità. Ero anche intimidita e frenata dalle opzioni d'ordine dell'area "resoconti". Non ero preparata alla esternazione. E poi ho avuto bisogno di rielaborare l'evento a cui avevo assistito. In questi giorni mi sono riascoltata più volte le cose messe in rete e sono giunta ad alcune conclusioni. Il concerto dal vivo è una esperienza molto forte che, come dice EffeCi, crea dipendenza. Vorresti ancora un concerto e un altro ancora. Il mistero di questo incantamento è presto svelato. La VOCE di Marco è piacere puro. E' unica e irripetibile. Dal concerto ho capito quale strada ha davanti Marco dal punto di vista stilistico. La riconoscibilità della sua musica ormai è chiara. E' acida e rock e al tempo stesso liquida come acqua che scorre tra le dita. Ho la sensazione che a Osimo abbia dato il meglio di sè, ma forse dipende solo dalla diversa qualità delle cose messe in rete. A Osimo ha osato molto e non si è risparmiato mai in nessuna canzone. Tutte le canzoni che ha cantato, dico tutte, anche quelle che negli album avevavo meno allure, sono risultate dei capolavori. Eccezionali i nuovi arrangiamenti. Soprattutto ne La guerra e in Credimi ancora. L'ultima versione di questa è la migliore mai sentita. Continuo a pensare che Nessuno sia una vera botta allo stomaco. Ma da giorni in testa mi risuonano Live and let die e See mee Feel me. La prima è una versione talmente bella ma talmente bella che se la sentisse Paul credo che veramente lo vorrebbe all'apertura dei suoi concerti. Quando ho sentito Feel me fatta da lui ammetto di aver pianto e non per labilità da demenza incipiente. No. Era il passato che tornava all'oggi con una forza inaudita. Ma non erano più gli Who. Era Marco Mengoni. Qualcuno in rete mette in dubbio la sua permanenza sulla scena paventando la carriera di una meteora. Non hanno capito nulla i suoi detrattori. La stella di Mengoni brillerà sempre più luminosa se lui saprà avere cura di questo dono divino che crea incantamento. Io non sono per natura una che si lascia prendere dalle facili emozioni. Non sono in preda a fascinazioni estetiche anche se riconosco che Marco ammalia a 360 gradi. Sono semplicemete stata folgorata dalla sua bravura. Poi la cornice e i corollari arricchiscono le sue performances. Gli ammiccamenti galanti alle regine di cuori, gli spunti di gelosia nei confronti dei ballerini, le presentazioni un po' goffe e farfugliate, l'eleganza e la sfrontataggine dei movimenti anche da fermo... tutti irresistibili. Ma la voce. La voce. La voce!!!!
avatar
Glass
Utente Novizio: 16-149 post
Utente Novizio: 16-149 post

Messaggi : 105
Data d'iscrizione : 02.05.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: RE MATTO TOUR - OSIMO [RESOCONTI]

Messaggio Da Aeris il Gio 06 Mag 2010, 11:51

Glass ha scritto:Buongiorno a tutti.

Se avete la paziena di leggermi, vorrei condividere con voi alcune riflessioni.
Quando sono entrata per la prima volta nel forum ero di ritorno da una esperienza estenuante. Osimo e dintorni. La notte non avevo dormito per l'adrenalina che avevo in coirpo e mi mancava la lucidità. Ero anche intimidita e frenata dalle opzioni d'ordine dell'area "resoconti". Non ero preparata alla esternazione. E poi ho avuto bisogno di rielaborare l'evento a cui avevo assistito. In questi giorni mi sono riascoltata più volte le cose messe in rete e sono giunta ad alcune conclusioni. Il concerto dal vivo è una esperienza molto forte che, come dice EffeCi, crea dipendenza. Vorresti ancora un concerto e un altro ancora. Il mistero di questo incantamento è presto svelato. La VOCE di Marco è piacere puro. E' unica e irripetibile. Dal concerto ho capito quale strada ha davanti Marco dal punto di vista stilistico. La riconoscibilità della sua musica ormai è chiara. E' acida e rock e al tempo stesso liquida come acqua che scorre tra le dita. Ho la sensazione che a Osimo abbia dato il meglio di sè, ma forse dipende solo dalla diversa qualità delle cose messe in rete. A Osimo ha osato molto e non si è risparmiato mai in nessuna canzone. Tutte le canzoni che ha cantato, dico tutte, anche quelle che negli album avevavo meno allure, sono risultate dei capolavori. Eccezionali i nuovi arrangiamenti. Soprattutto ne La guerra e in Credimi ancora. L'ultima versione di questa è la migliore mai sentita. Continuo a pensare che Nessuno sia una vera botta allo stomaco. Ma da giorni in testa mi risuonano Live and let die e See mee Feel me. La prima è una versione talmente bella ma talmente bella che se la sentisse Paul credo che veramente lo vorrebbe all'apertura dei suoi concerti. Quando ho sentito Feel me fatta da lui ammetto di aver pianto e non per labilità da demenza incipiente. No. Era il passato che tornava all'oggi con una forza inaudita. Ma non erano più gli Who. Era Marco Mengoni. Qualcuno in rete mette in dubbio la sua permanenza sulla scena paventando la carriera di una meteora. Non hanno capito nulla i suoi detrattori. La stella di Mengoni brillerà sempre più luminosa se lui saprà avere cura di questo dono divino che crea incantamento. Io non sono per natura una che si lascia prendere dalle facili emozioni. Non sono in preda a fascinazioni estetiche anche se riconosco che Marco ammalia a 360 gradi. Sono semplicemete stata folgorata dalla sua bravura. Poi la cornice e i corollari arricchiscono le sue performances. Gli ammiccamenti galanti alle regine di cuori, gli spunti di gelosia nei confronti dei ballerini, le presentazioni un po' goffe e farfugliate, l'eleganza e la sfrontataggine dei movimenti anche da fermo... tutti irresistibili. Ma la voce. La voce. La voce!!!!

Glass hai detto bene: LA VOCE
avatar
Aeris
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 1431
Data d'iscrizione : 29.04.10
Località : Midgar

Tornare in alto Andare in basso

Re: RE MATTO TOUR - OSIMO [RESOCONTI]

Messaggio Da Kaiser il Gio 06 Mag 2010, 12:26

up angelo
avatar
Kaiser
Utente Colonna: 2001-5000 post
Utente Colonna: 2001-5000 post

Messaggi : 2279
Data d'iscrizione : 28.12.09
Località : Milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: RE MATTO TOUR - OSIMO [RESOCONTI]

Messaggio Da dada il Mar 11 Mag 2010, 13:40

Ho visto parecchi video e racconti e posso solo dire BRAVO MARCO …non so come fa, la sua fragilità e la sua emotività sul palco vengono messi da parte al 90% e … viene fuori una creatura tutta diversa alcuni lo definiscono un mostro beh un po’ mostricciattolo è …. è inutile potrà migliorare in diverse cose ma quello che ha già fatto è veramente tanto e non parlo della voce perché quella è scontato che non gli manca, ma l’impegno che ci ha messo nei balli, nei movimenti nelle parole nei gesti, gli abiti diversi che ha indossato, ha il rock nel sangue io l’ho già dettto …. e ho apprezzato tutto … non l’ho trovato per niente ridicolo o fuori luogo sempre con una classe tutta sua… Marco a 21 anni e ha fatto quello che si è sentito di fare, provare, sperimentare e credo, leggendo qua e la, che sia piaciuto alla maggioranza dei suoi fans … poi è logico che non puoi apprezzare tutto tutto …. dire che può migliorare è scontatissimo e logico anche per un bambino dell’asilo ….. ma le cose importanti che secondo me sono la sua voce, la sua voglia di divertirsi, la musica, l’emozione e i sorrisi che ha dato nonché il suo coraggio e la sua determinazione …. xchè per me sono queste le cose che importano … e non la stonatura, la scenografia o la giacchetta che è di un colore o tessuto non di tuo gradimento o il movimento non ben coordinato (neanche avesse mai ballato in vita sua) … Marco è un pacchetto va apprezzato per le sue doti primarie soprattutto ora che è veramente al suo esordio … infatti quello che ti deve rimanere alla fine del concerto sono le emozioni e le gioie che hai vissuto e non di che colore erano le mutante (una sbirciatina se capita si può dare) o la maglietta o i pantaloni …. insomma parlo di EMOZIONI

il resto sono sfumature …sta storia che è esagerato … che palle …. ma lui può e deve esagerare ha il talento, il coraggio,l’estrosità, il carisma e la sensualità oltre all’età per farlo se non lo fa adesso, che tutto gli si può perdonare perché all’inizio, quando le deve fare?

Sono veramente felice che sia piaciuto più o meno a tutti!



p.s. Dimenticavo il resto (mutande. Lingua, movenze, coreografie, scenografie ecc) verrà sicuramente e minuziosamente riesaminato, sezionato e analizzato dalle Mengonelle e utilizzato per i cazzeggi sclerati in attesa di nuovi concerti, video …. quindi per i più critici che si sono fermati ai dettagli …. si possono sbizarrire … aprirei un topic CSI Mengons …





@carota

Detestare Renato zero …. come puoi dire una cosa simile … lo conoscevi?

Io da ex sorcina non posso sentir dire sta cosa …sorry … in ogni caso non bisogna paragonarlo a Marco … esteticamente/artisticamente non hanno nulla in comune a parte qualche cambio di abito .

Comunque Marco è unico, come lo è stato Renato e tanti altri e non sono paragonabili a nessuno!



@Glass anche io concordo che il nuovo singolo dovrebbe essere Nessuno … favolosa (chissà cosa ne pensa Mina) e adoro l’arte di Tommassini però ti assicuro che ad Xfactor non stavano bene proprio a tutti, Marco è pur sempre un eccezione.

Concordo anche in questo che hai scritto anche perché attualmente Marco non è un ballerino:

Marco non va visto come un ballerino. La sua potenza sta nella forza espressiva che mette nei movimenti, nella camminata anche da fermo, che esalta la sua esibizione.





@Effeci concordo pienamente con te:

Ma lo spettacolo va visto nella sua globalità. Nell'emozione, nell'impatto, in quello che ti dà. Non si possono vivisezionare i video e le minuzie. Non è un ballerino, ovvio. Ha appena cominciato. Ma quando si va a un concerto è il pugno nello stomaco che ti resta quando esci. Sono gli occhi felici che ti illuminano il viso stravolto. E' il ricordo di quel momento in cui la voce è andata a toccarti dentro oppure quando hai visto quella mossa o quell'espressione rapita che ti ha rimescolato il sangue. Un concerto è un evento che palpita, che vive e che non può essere cristallizzato e giudicato per le imperfezioni, ma solo per l'effetto che ti fa, per quello che ti lascia. A me questo concerto ha dato una serata di felicità e di divertimento. E' stato bello esserci. Tutto il resto non conta. Per me.



@Effeci noooo …. Perché levare? Che peccato … comunque ci sarei comunque anche senza nulla …. anche se fosse solo, senza ballerini, carte, con la sua polo grigia … e triste …e in mutande e il microfono in mano ...

ecco, levate tutti quegli orpelli inutili, ballerini, carte, scacchiera, coristi etc e mettetelo lì da solo in mezzo al palco con un microfono in mano ...basta e avanza!!!



@Claudia vero anche quello che dici tu

La prima è che Marco ha preparato questo tour a tempo di record, come per l'EP, quindi i miracoli non si potevano pretendere. Ci vogliono mesi per preparare uno spettacolo come Dio comanda. Mi pare di capire però che il miracolo c'è stato lo stesso, semplicemente perché Marco è un miracolo.
La seconda è che dubito fortemente che ad un ragazzo di 21 anni in pista da 8 mesi abbiano dato chissà che soldi per costruire lo show. Avranno fatto quello che potevano con i soldi che avevano.
Ovvero si sono arrangiati. Ovvero gli spettacoli ai livelli di Madonna, MJ e Prince ce li scordiamo per qualche anno, anche perché siamo in Italia e qui nessuno si sogna di investire certe cifre per un concerto. Forse nemmeno ci sono quei soldi.




@Vale .. tu hai lo spirito giusto … ti adoro .. mi piacciono i tuoi racconti dettagliati …

"eccallà cominciamo a prendere i sali fin da subito"

davanti e me c'era una BM alta un metro e un succo di frutta, quindi olè!)

andato dietro ad una tenda, tipo quella che si usa per fare gli spogliarelli, però era nera trasparente e comincia a intonare Satisfaction sussurrando (ehm forse farei meglio a dire orgasmando) sul microfono e nel contempo si spoglia , si toglie la maglietta sopra e rimane con una canotta con una manica su e una manica giù.
Una cosa assurda che dalla mia postazione si notava benissimo era il suo continuo tirar fuori la lingua, cioè una cosa allucinante, ormai quella lingua vive di vita propria ed esce da sola quando deve prendere aria


è previsto tocco di capelli e strascichii continui, 'nzomma 'na roba da far ringalluzzire e resuscitare Madre Teresa.

Quando ha fatto La Guerra con quel costume da super figo anni '80 io e la mia amica eravamo già pronte per farci ricoverare, quando poi si è stoppato tutto e ha iniziato ad eseguire la coreografia in sincrono coi ballerini basta eravamo svenute nelle braccia delle BM

E' l'alba di un nuovo mondo, ieri sera abbiamo assistito alla nascita di un Mito: tremate gente perchè Marco Mengoni è arrivato e vi schiaccerà tutti come mosche.

Lui ci muore su quel palco, è una spettacolo doloroso per quanto affascinante vederlo "soffrire" così.

deve imparare a parlare a voce più alta e a non sbiascicare come se avesse uno scafandro sulla lingua





@Guenda -- Se non lo fa lui chi lo deve fare? Concordo…

E' lampante che lui voglia questo tipo di spettacoli, è lampante che voglia cantare, ballare, sudare, emozionarsi, esplodere, che voglia diversificare lo spettacolo come la musica, che voglia sperimentare tutto, tutto, tutto, e ovviamente quando sperimenti, il primo tentativo ci sta che tentenni

fra 9 mesi se va avanti con sta velocità ci saluta da Marte, che la Terra gli sta stretta



@Mooshine, Marco unplugged è già stato visto con il live di Mtv … ma un concerto è una cosa diversa li si può osare se uno ha il coraggio e lui c’è l’ha … si si … amo anche io il live acustico però mi piace anche quello dei concerti che ha fatto …

Anche effecì si è espressa “Ma il live acustico con i controcazzi ci ha già mostrato che è in grado di farlo.”



@tiki .. spero che la mia metà rimanga soddisfatta come la tua…



GRAZIE A TUTTI, VERAMENTE PER I RACCONTI … PER ADESSO HO LETTO SOLO OSIMO … NA BIBBIA EH … (se ho scazzato le quote … fa lo stesso … )
avatar
dada
Utente Aficionado: 501-2000 post
Utente Aficionado: 501-2000 post

Messaggi : 1669
Data d'iscrizione : 15.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: RE MATTO TOUR - OSIMO [RESOCONTI]

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 16 di 16 Precedente  1 ... 9 ... 14, 15, 16

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum